Il benessere di ingredienti tutti naturali

Lo sapevi che...
Notizie e Curiosità...


Aglio
Da sempre se ne riconoscono i tanti benefici tra cui la capacità di combattere l'ipertensione e ridure il colesterolo.
É anche un valido antiinfiammatorio e analgesico capace di alleviare il dolore.

Albicocche

Vanno conservate in un luogo fresco, lontane dagli altri alimenti perché ne assorbono l'odore.
Meglio però consumarle in fretta: perché quelle troppo mature contengono meno sostanze nutritive.

Ananas
Per capire se il frutto è maturo le foglie devono essere verde brillante e la buccia giallo-arancio.
Se poi, staccando una foglia dalla parte centrale, questa viene via facilmente, la maturazione è perfetta.

Arance
Sono gli agrumi più diffusi nel mondo e se ne coltivano diverse varietà. Le arance contengono calcio, fosforo, potassio, ferro, selenio e diverse vitamine fra cui, la piú importante vitamina C, la A, la B1 e la B2. Sono un’ottima fonte di acido citrico e pertanto aiutano ad abbassare il pH, migliorando i processi digestivi. Sembra che le arance siano un ibrido, ma ormai da secoli cresce come specie autonoma.

Cacao
Aiuta a riequilibrare l'umore e a calmare gli stati d'ansia. Merito di alcune sue componenti come la tiramina e il triptofano, sostanze dalle proprietà antidepressive.
La pianta del cacao può vivere anche a due secoli ma produce baccelli di qualità solo per 25-30 anni.
Secondo gli Aztechi il dio Serpente Piumato la donò agli uomini per alleviare le loro fatiche.

Ciliegie
Sono fonte di vitamine e sali minerali, hanno importanti proprietà energetiche e riminalizzanti.
Contengono inoltre melatonina, sostanza che favorisce il sonno, e acido malico che aiuta a
depurare il fegato.

Cipolle o cipollotti?
Appartengono a due piante diverse e il cipollotto è il bulbo non ancora completamente formato della cipolla.
Spesso il termine cipollotti viene usato per indicare cipolle di piccole dimensioni.
Perchè tagliarle fa piangere? Perchè contengono sostanze che a contatto con l'aria liberano particelle tra cui un ossido irritante.
Per alleviare il fastidio, i nostri occhi si difendono piangendo.
Uno stratagemma per evitare di piangere mentre si taglia la cipolla è affettarla sotto l'acqua oppure dopo averla tenuta qualche minuto in freezer.
Le sostanze urticanti diventano così meno insidiose.
Nel Medioevo, le cipolle, erano particolarmente preziose. Venivano usate come moneta, per pagare affitti o regali, anche per curare i morsi di serpenti, la caduta di capelli o il mal di testa.

Fichi
Hanno molte proprietà benefiche: oltre ad essere ricchi di calcio, vitamine e fibre, sono ottimi antiossidanti, antiinfiammatori e una preziosa fonte di energia per il nostro corpo.

Fragole
Sono un efficace antiossidante, ricche di vitamina C, di potassio, di acido folico e xilitolo, hanno effetti antitumorali, antianemici, protettivi del sistema immunitario, del sistema cardiocircolatorio, della memoria e dei denti.
I Romani coltivavano le fragole per curare moltissime malattie, dalla depressione, alla febbre, fino al mal di gola e ai calcoli renali.
Nel Medioevo, le fragole erano addirittura una medicina dei sentimenti.

Frutti di Bosco
I polifenoli di cui sono ricchi contrastano i radicali liberi e quindi l'invecchiamento cellulare.
L'alta presenza di fosforo e magnesio migliorano le capacità cognitive. Hanno molte vitamine e sono in grado di abbassare la pressione sanguigna. Sono anche indicati in caso di infezioni urinarie perchè attenuano i bruciori correlati.

Fruttosio
É detto "zucchero della frutta" ma è presente in molti altri alimenti e quello che ne possiede di più è il miele.
Inoltre la frutta contiene, in percentuali simili, anche un altro zucchero semplice: il glucosio.

Gelso
Dai fiori e dalle foglie si ricavano infusi preziosi per la nostra salute perchè ricchi di fosforo, calcio vitamine A e C e proprietà antibiotiche, diuretiche e ipoglicemizzanti, indicate in caso di diabete.
In alcuni scritti di Plinio il Vecchio (I secolo d.C.), si legge che le more di gelso mature venivano usate come rimedio al mal di gola e ai disturbi intestinali. Quelle acerbe per bloccare le emorragie.

Lamponi
Possiedono innumerevoli proprietà: sono ricchi di fibre e possiedono un mix di sali minerali, quali il calcio, il potassio e il magnesio che lavorano in sinergia nello smaltimento di tossine e liquidi. La caratteristica straordinaria del lampone è però la presenza al suo interno del chetone, che stimola la produzione di un ormone che agisce sul metabolismo facedo calare l'appetito.

Mandorle
Tutti conosciamo quelle dolci ma esistono anche mandorle amare. Attenzione, però: la variante amara contiene amigdalina che, se ingerita in grandi quantità, può provocare reazioni tossiche.

Marroni
Sono una potente ricarica energetica, ideali i caso di stanchezza o stress. Hanno molte fibre, utili per la regolarità intestinale e anche ferro e acido folico, importante per le donne in gravidanza.
Sono più grossi e gustosi delle varietà di castagne più comuni, a renderli particolarmente pregiati è anche l'assenza della pellicola interna alla polpa, presente invece nelle altre castagne.

Mirtilli
Neri, rossi, blu, sono tanti i colori delle diverse varietà di mirtillo. Esiste anche quello gigante americano, una pianta molto resistente e indicata anche per la coltivazione fai da te.
Il succo di mirtillo nero aiuta a regolare il funzionamento del sistema cardiovascolare e a combattere gli effetti legati al colesterolo LDL, conosciuto come "colesterolo cattivo". Contiene antocianine, pigmenti dalla proprietà antiossidanti che aiutano a migliorar la vista, soprattutto durante la visione notturna.

Peperoni
Per alcune persone sono indigesti. Il motivo? La loro buccia è di cellulosa, sostanza che il nostro organismo non riesce a scindere e poi contengono solanina, che in grandi quantità diventa tossica.

Pere Williams
Il nome deriva da "William's pear", in inglese "pera di William", uno dei primi agricoltori che nel Settecento in Inghilterra iniziò a coltivare questi frutti.

Pesche
Possiedono molte proprietà benefiche e preziose per il nostro corpo: sono ricchissime di minerali, sono depurative, diuretiche e piene di fibre.
Sono anche ricche di vitamine (sopratutto A, B1, B2, C e PP) e di oligoelementi (fosforo, potassio, magnesio, zolfo, ferro e manganese), in Oriente erano dette "frutto dell'immortalità". Per l'arrivo delle pesche nella zona mediterranea dobbiamo ringraziare Alessandro Magno, è stato proprio lui a portarle a Roma: ne era rimasto colpito, mentre visitava i giardini di Dario III in Persia.

Prugne
Sono ricche di fibre e contengo l'88% di acqua. Hanno quindi proprietà disintossicanti, aiutano a regolare  l'intestino e sono un'ottima fonte idrica per il nostro corpo.
Prugne o susine? In botanica non c'è differenza sono lo stesso frutto e nascono dallo stesso albero il Prunus Domestica, originario del Caucaso.
Se il frutto è fresco si possono usare entrambi i termini, se è secco meglio definirlo "prugna".

Ribes
Vera e propria miniera di vitamine e di antiossidanti. Contiene, inoltre, antocianine, avonoidi, potassio e ferro.
Anche i Romani conoscevano i benefici del ribes, lo usavano per cicatrizzare le ferite, per guarire le infiammazioni della gola, per combattere la stitichezza, ed erano apprezzati anche per scacciare gli "umori neri".

Sambuco
Si presenta come un arbusto, produce piccole bacche, che nascondonomolte proprietà benefiche per il nostro organismo. Non mancano poi i minerali come calcio, ferro e magnesio. Inoltre le bacche di Sambuco sono una fonte di vitamine.
Il termine sambuco deriva dalla parole greca "sambuchè" che indicava uno strumento musicale. Infatti, nei tempi passati proprio dai rami cavi di questa pianta si ricava una specie di flauto.

Vaniglia
I baccelli migliori sono quelli intatti, privi di tagli e che si attorcigliano in un dito senza danneggiarsi. Meglio ancora se hanno la punta arrotondata: significa che sono stati raccolti nel pieno della loro maturazione.
La usavano già gli Aztechi per aromatizzare il tlilxochitl, bevanda a base di cacao. Secondo la leggenda fu l'imperatore Montezuma ad offrirla al generale Cortés che la introdusse poi in Europa.
Ancora oggi per produrla si segue un procedimento molto complesso dove tutto è svolto manualmente, compresa l'impollinazione.
Anche per questo è una delle spezie più care al mondo.

Visciole
Simili alle amarene, tipiche del territorio dell'Italia centrale. Hanno diverse proprietà benefiche: sono utili contro l'invecchiamento, grazie agli antiossidanti, sono ricche di vitamina A e C, riducono il colesterolo e i trigliceridi nel sangue, possono aiutare a dormire meglio, grazie al contenuto di melatonina.


Zenzero
É considerato un antinfiammatorio naturale, ha proprietà digestive, rinfresca l'alito e allevia vertigini e nausea.
Secondo la medicina tradizionale araba, è anche un ottimo afrodisiaco.